Università degli Studi

Università degli studi

Università degli Studi – Sede

Dal 1748 al 1811 fu attivo in Altamura un Regio studio o università, creato da Carlo III di Borbone nell’ambito della politica riformista avviata per rendere il nuovo stato napoletano autonomo dalla Chiesa, partendo proprio dal togliere a quest’ultima il monopolio dell’educazione dei giovani.[1]

La nascita di questa istituzione si inserisce nel clima della cultura giurisdizionalista ispirata da Pietro Giannone, e fu voluta fermamente dall’arciprete della chiesa altamurana, mons. Marcello Papiniano Cusani, che del Gainnone fu grande amico.

Con il suo successore, mons. Gioacchino De Gemmis, protagonista dei fatti del ’99 ad Altamura, la cultura giurisdizionalista, a cui si ispiravano tutti gli insegnamenti impartiti nel Regio studio, lasciò spazio al riformismo illuministico-genovesiano. De Gemmis, infatti, sostituì alle Istituzioni civili e canoniche il Diritto naturale e delle genti ed introdusse l’insegnamento della medicina, della chimica e della botanica.

L’università di Altamura divenne punto di riferimento per la gioventù pugliese e lucana. Contribuì alla formazione di personalità di rilievo della massoneria napoletana, come Giuseppe De Gemmis e Antonio Panelli, appartenente alla loggia deviata degli Illuministi di Baviera.

Un cenno ai docenti si rende necessario. Vi insegnavano il padre domenicano Orazio Gaspari, acuto insegnante di letteratura italiana e latina, gli succedono gli altamurani Agazio Angelastri e Giovan Battista Manfredi. Leopoldo Laudati è il primo insegnante di eloquenza greca al quale succede Mario Tirelli. Alla cattedre di filosofia e matematica viene chiemato Giuseppe Carlucci, primicerio della chiesa altamurana, il quale fu socio di molte accademie. Viene sostituito in seguito dal canonico Paolo Ruggero e dal Cagnazzi, illustre studioso autore di due opere importanti Elementi di economia politica e il Saggio del Regno di Puglia. Questi fu prima uomo appassionato del periodo delle riforme economico sociali, degli ideali illuministici e umanitari, poi studioso distaccato della realtà economica e sociale, alto funzionario e amministratore nell’Ottocento.

Dopo il 1799, il Cagnazzi viene sostituito dal dottor Grazio Battista di Cassano Murge, poi dal canonico Vincenzo Popolizio nell’insegnamento della matematica e da Gioacchino Grimaldi per quanto riguarda la fisica. La cattedra di diritto civile e canonico, prima occupata dal Cubani, viene data all’avvocato Domenico Bastelli. Succede sulla stessa l’avvocato Francesco Bovio, che rimane all’interno dell’ università sino al 1808. Per l’insegnamento di anatomia, medicina e botanica viene prescelto il dottor Filippo (La) Vista di Molfetta, nel 1757 la cattedra viene affidata all’altamurano Tricarico il quale insegna fino al 1777. Per l’insegnamento della teologia viene chiamato fra’ Giovanni (La) Vista, fratello del medico molfettese, poi il canonico Tirelli, in seguito fra’ Giuseppe Patella e infine il canonico Vito Antonio Giannuzzi.[2]

Anche con la massoneria si diffusero le nuove idee illuministiche. Non è certo che in città sia esistita una loggia massonica, ma molti esponenti del movimento repubblicano locale risultano essere stati massoni, come il canonico Giovambattista Manfredi, l’intera famiglia Giannuzzi, quella dei Serena e altri.[3]

_____________________________________________________________

[1]Sulla nascita di questa istituzione culturale, O. SERENA, Di un’antica Università di Studi nelle Puglie, Altamura 1887; V. VICENTI, L’università di Altamura, a cura dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura del Comune di Altamura, Altamura 1998

[2]G. DAMBROSIO, Altamura nel Settecento in  Il 1799 – La Rivoluzione ad Altamura, Coordinamento Altamura Leonessa di Puglia, pp. 36-38.

[3]V. VICENTI, A. VICENTI e G. PUPILLO (a cura di), Medaglionialtamurani del 1799, Cassano Murge 1998, pp. 61, 63, 64, 74; O. SERENA,G. PUPILLO (a cura di), Altamura nel 1799, Cassano Murge 1993, cit., p.171.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...